Sei domande: Melissa H. | New York, NY

Pubblicato il

(18 dicembre 2020)

  1. Riassumi la tua esperienza 2020 in tre frasi.

I si è trasferito a New York a gennaio, senza lavoro, senza piani e senza idea di cosa sarebbe successo dopo.

Mi è piaciuto visitare 78 musei, 104 ristoranti, andare in bicicletta in tutta la città e nei parchi e saltellarci dentro e giù da tutti i treni.

Ho trovato un lavoro, mi sono preso il Covid-19 e sono sopravvissuto, per fortuna.

2. Qual è una cosa che hai imparato sul mondo in generale e come intendi utilizzare ciò che hai imparato?

Questo mondo non è significa rimanere lo stesso. Ho imparato questanno quando proviamo a mantenere le cose come erano o come erano le cose un tempo, ci porta solo dolore. Lunica cosa certa in questa nostra vita è il cambiamento. Dobbiamo evolverci. Dobbiamo crescere non solo fisicamente, ma anche mentalmente e spiritualmente. Non solo, ma cresciamo solo negli stati in cui siamo a disagio. Abbraccia la paura. Lascia andare. Fa male solo perché lo stai trattenendo. Intendo vivere la mia vita in questo modo e aiutare gli altri a fare lo stesso.

3. Indica due obiettivi principali che avevi allinizio del 2020: li hai raggiunti? Era come avevi inteso originariamente?

A) Volevo leggere 60 libri per migliorare la mia conoscenza e crescita. Al momento ho 95 anni e finora è stato un viaggio fantastico e il mio preferito dellanno è stato “The Choice: Embrace the Possible” di Edith Eger . Sono andato ben oltre ma ho imparato così tanto, motivo per cui amo leggere.

B) Volevo trovare un lavoro – che mi permettesse uno stile di vita che mi permettesse di continuare il mio percorso di crescita personale, e io è stato fortunato a trovarne uno. Questo lavoro è davvero un dono e non potrei essere più felice di dove sono finito. Sono estremamente grato.

4. In un anno che ha ridotto al minimo linterazione umana, ti sei sentito più distante dalle persone che amavi o hai trovato un modo più profondo per connetterti?

Il ridotto linterazione umana è stata interessante per me. Sono un introverso nel cuore e non mi importa affatto di essere solo. La mia famiglia è praticamente abituata a questo. Ho trovato importante sfruttare al massimo ogni mia giornata e abbattere i muri che cerano prima, principalmente allo scopo di connettermi, se ho il momento di connettermi con qualcuno, lo afferro e mi diverto. Questanno ho deciso di ristabilire i contatti con due vecchi amici delle scuole medie e superiori che rimangono a New York. Li ho visti entrambi più volte e trovo che questa riconnessione sia davvero una benedizione.

5. Sei più ottimista riguardo al 2021 e, in tal caso, in che modo?

Sono ottimista. Un nuovo presidente significa che la leadership in questa pandemia apparirà finalmente a livello nazionale, e abbiamo un certo riconoscimento della crisi che questo paese non è riuscito a riconoscere questanno nonostante il numero di persone che sono morte. Penso che la cosa che mi dà più ottimismo sia che il cambiamento sia allorizzonte. Che si tratti di leadership, un nuovo anno, un nuovo giorno, un nuovo libro, un nuovo amico. Tutto ciò porta crescita e la possibilità di un nuovo inizio.

6. Se potessi tornare a parlare con Melissa a gennaio, quali cose le diresti per prepararla al 2020? Saresti orgoglioso della persona che sei ora?

A) “Non puoi sempre ottenere quello che vuoi, ma se ci provi a volte, troverai ciò di cui hai bisogno “.

B) Quellamore per se stessi è il miglior amore.

C) Aspetta lalbum di Nas, sarà fantastico – il intero album. Aspetta.

Domanda bonus: qual è la canzone che ascolti e che ti fa sentire meglio?

Caribou -” Non posso fare a meno di te “

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *