Failure to Launch: The Aftermath (Italiano)

Pubblicato il

(Allison Rosen) (26 marzo 2020)

Hai avuto unidea. È stata davvero una buona idea. Era unidea su cui hai insistito, considerato, coordinato, lanciato e preservato. Era un progetto di squadra, uno sforzo totale con una scadenza rapida, ravvicinata e in rapido avvicinamento.

E poi non cera più. Il tuo budget è stato tagliato, o la tua leadership è cambiata, o circostanze completamente al di fuori del tuo controllo (e della tua azienda) hanno fatto sì che la tua idea davvero buona diventasse unidea davvero cattiva. Sai, come una pandemia globale che mette tutto in prospettiva e mette anche il kibosh praticamente su tutto ciò che avevi pianificato di fare. Qualunque sia la causa, il piano di gioco è impossibile, quindi cosa fai adesso?

Fase 1: aspetta cosa?

Non posso fingere che la mia prima reazione a ciò che accade al mio progetto sia stata qualcosa di diverso dal colpo di frusta. Ero confuso, sorpreso e lasciato con un senso di … e adesso?

Quando ci ho pensato davvero, ho scoperto di provare un senso di perdita per la mia idea. Costruire qualcosa è difficile e quando non ti dà i risultati che speravi (o alcun risultato), è probabile che ti senta frustrato o addirittura triste. Soprattutto in un ruolo strategico, ma in quasi tutti i ruoli, passi molto tempo (letteralmente ore) con la tua idea. Lo crei tu. Lo coltivi. Trovi modi per aggirare gli ostacoli, posizioni e riposiziona e alla fine trovi i componenti (e le persone) che possono portare quellidea in realtà. Tutto questo lavoro occupa gran parte della tua giornata, che è gran parte della tua vita, e può essere intrinsecamente collegato al tuo valore.

Parliamo molto di resilienza a Upside , e questa è esattamente la circostanza in cui penso che la resilienza diventi labilità più importante. In qualche modo è più facile accettare quando qualcosa fallisce che accettare lignoto. E se quella cosa non fosse accaduta? E se fossimo in grado di continuare a muoverci nella direzione che avevamo pianificato? Sfortunatamente, non lo sapremo. Anche se teniamo tutte queste idee nella tramoggia per una data successiva, non sapremo cosa sarebbe successo se fossimo stati in grado di seguire il Piano A.

Allora cosa fai? Accettalo e dillo a tutti quelli che hanno bisogno di sapere. La comunicazione qui è incredibilmente importante. Quando decidi di abbandonare un progetto che ha coinvolto molti team, devi assicurarti di dire a tutti perché sei arrivato a questa decisione. (Come dice la mia collega Maggie, “Clear è gentile.”) È molto più gentile e ti aiuterà di più a lungo termine a essere trasparente con tutte le parti coinvolte su A) CHE ti stai fermando e B) PERCHÉ ti stai fermando . Accetta le domande e sii preparato con le risposte. Sii premuroso e generoso con il tuo tempo mentre lavori con le persone in questa transizione. Ci è voluto tempo per costruire; ci vorrà del tempo per rilassarsi.

Dopo aver comunicato a tutte le parti la notizia, prenditi un minuto per versarne una per bene il vecchio Piano A. Riconosci tutto il lavoro che è stato svolto, tutto il tempo che hai speso per costruirlo e tutte le persone che hanno contribuito a quel lavoro. Non sei solo in questa sensazione, in questo momento, in questa frustrazione. Assicurati che le persone che ti hanno aiutato ad arrivare così lontano in questo progetto siano viste e apprezzate.

Ma non crogiolarti lì. Non affondare. Concediti il ​​momento e poi inizia a guardare avanti.

Fase 2: dove metto gli occhi?

Eri concentrato sul laser su questo progetto, ma è improbabile che fosse lunica componente del tuo lavoro. Una volta che fai un passo indietro rispetto a questarea di interesse, è probabile che tu possa spostare i tuoi sforzi in un altro posto.

Non fare questo processo in un silo: parla con il tuo capo e fai domande. Guarda i tuoi obiettivi di alto livello, trova cosa è cambiato (o non è cambiato) e vedi dove si è bloccato il tuo progetto. Assicurati di capire esattamente perché questo progetto non è andato avanti in modo da poter essere sicuro di investire nella giusta area successiva. Anche se il problema era solo una questione di cattivo tempismo, è comunque importante capirlo.

Inoltre, parla con i tuoi colleghi e guarda quali altri progetti stanno accadendo allinterno del tuo team. Cè un progetto che potresti aiutare a sostenere? Cè una persona con un progetto che aspetta dietro le quinte che potresti intraprendere? Fintanto che supportano gli obiettivi generali verso i quali stai lavorando e il tuo capo è allineato, questo potrebbe essere un ottimo modo per partire con il piede giusto.

Anche se potresti essere tentato di resistere sui tuoi vecchi obiettivi, assicurati di valutare veramente il tuo prossimo progetto alla luce delle nuove informazioni.Probabilmente significa che devi lasciare davvero il tuo progetto alle spalle. Ma ciò non significa che non puoi utilizzare parti di ciò che hai costruito in un modo nuovo.

Fase 3: estrazione delloro

Il piano A non funzionerà, ma ciò non significa che non ci sia valore in ciò che è stato costruito per esso. Una volta che hai iniziato a guardare avanti e ad accettare la realtà della situazione, è probabile che ci siano molte cose che puoi riutilizzare per il futuro. Queste cose potrebbero non essere tutte tangibili, ma ci sono blocchi che hai costruito che puoi mettere in una nuova casa. Consideralo come un riciclaggio. Era una bottiglia di plastica e ora fa parte di un consolatore (in qualche modo!).

Relazioni

La maggior parte dei progetti richiede il coinvolgimento in qualche modo tra team come marketing, ingegneria, legale, ecc. Probabilmente hai lavorato con persone che non conoscevi prima, hai imparato come gli piace essere comunicati, imparato cosa risuona loro. Sono tutte informazioni preziose che ti aiuteranno a essere più efficiente quando passerai alla prossima avventura.

Hai chiesto favori? Sii grato di aver avuto favori da chiamare! Potrebbe volerci un po di tempo per conservarli per la prossima necessità, ma a meno che tu non abbia comunicato male la fine del piano, scoprirai che si riprenderanno prima di quanto pensi.

Partnership

Potrebbero esserci state anche parti esterne che hai coinvolto attraverso questo progetto. Un nuovo partner ha risposto alla tua chiamata? Questa prima iniziativa con loro potrebbe non essere arrivata al traguardo, ma ciò non significa che non hai avuto una grande vittoria interagendo con loro.

Inoltre, se stavi ascoltando bene , hai imparato qualcosa su ciò su cui si concentrano quei partner e su ciò a cui tengono. Questa conoscenza può aiutarti a creare la prossima iniziativa in modo tale da entusiasmare gli stessi partner per il prossimo evento.

Materiale collaterale

Per la mia campagna, noi (leggi: il nostro fantastico designer) abbiamo creato bellissimi pezzi che non sono mai stati visti. Non evaporano nel nulla! Possiamo sicuramente trovare un modo per usarli per il prossimo progetto e risparmiarci un passaggio. Probabilmente le parole cambieranno, ma a un certo punto quei progetti si applicheranno. Non perderli.

Potresti anche scoprire di aver scoperto un nuovo linguaggio per i pezzi che hai creato. Se ti è piaciuto il tuo fraseggio, modificalo e trova un nuovo spazio in cui vivere. Oppure approfondisci il livello e scopri il perché pensavi che sarebbe stato più efficace e prova a ricreare la risposta al tuo perché con il prossimo pezzo che scrivi.

Ricerca

Questa è probabilmente la cosa più facile da trovare e riutilizzare poiché un po di conoscenza può fare molto. Nuove informazioni possono essere integrate nei blog, pubblicate su annunci display e persino inviate internamente o esternamente per aiutare la tua causa. Tutto ciò che hai appreso può e dovrebbe essere condiviso e può senza dubbio essere utilizzato in un modo nuovo.

Ci sono molti modi per ripensare la tua strategia e riutilizzare il tuo lavoro. Non tutto sarà applicabile, ma scommetto che cè molto di più di quanto pensi.

Fase 4: avanti.

Ringrazia il tuo team. Grazie a tutti coloro che hanno lavorato a questo progetto. Grazie per il duro lavoro che hai svolto. Prendi quello che puoi dal tuo progetto e poi lascialo andare. Rendi la prossima cosa due volte più fantastica.

Ti sei trovato in una posizione simile? Come ti sei riorganizzato dopo che il tuo piano A è fallito?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *