29 settembre – Knowing, Sensing, Participating and Designing Otherwise

Pubblicato il

(7 ottobre 2020)

La discussione di questa settimana si è concentrata sulle connessioni tra gli argomenti di ricerca / tesi degli studenti e le letture per il Modulo 1: Politica, etica e pluriverso.

Studenti formati a coppie e seguito questa guida per la discussione:

  1. Aggiorna la memoria del tuo partner sulla tua tesi / argomento di ricerca e discuti le tue conclusioni dalle letture.
  2. Identifica ulteriori connessioni o aspetti in opposizione o convergenza tra le letture e gli argomenti di ricerca.

Di seguito, ho riassunto e reso anonimo la discussione utilizzando emoji animali casuali per presentare i takeaway della discussione in un formato metalogue . Le citazioni dirette si mescolano alla mia sintesi.

  • 🐭 – Sentimento principale – il pluriverso è un concetto così divergente, che si tuffa in sacche di conoscenza e culture. Ma il design partecipativo necessita di una convergenza finale. I seminari hanno bisogno di una conclusione con le questioni in sospeso legate. Questo crea tensione. Disimparare e riapprendere come framework, condiviso da tutti i partecipanti.
  • 🦉 – Potrebbero esserci punti di convergenza, ma non necessariamente.
  • 🦎 – Framework Pluriverse 10 min: Converge. Collegare. Crea.
  • 🦉 – Strumentalizzazione del pluriverso.
  • 🦎 – “Concetto interessante → come possiamo trarne profitto?” Diretto verso implicazioni etiche. Collegato al sogno di Einstein, che esplora il tempo che scorre in modo diverso nei sogni notturni nella mente di Einstein. Il tempo è sempre discusso in relazione a noi stessi. Ma forse si sta muovendo diversamente. I nostri mondi possono avere più senso parallelamente che collettivamente?
  • 🦋 – Come sarebbe il pluriverso come sistema di progettazione? Se Google è il gold standard per UX, quale sarebbe il gold standard per il pluriverso? Più sviluppatori + più tempo = più soldi?
  • 🦋 – “Le interfacce degli strumenti & influenzano la nostra percezione e quindi la nostra percezione influenza il modo in cui agiamo nel mondo.” Se guardiamo tutti un gruppo di app che utilizzano lo standard di Google, la tecnologia sta costruendo lunicità che non vogliamo veramente. Quando le persone parlano di modelli mentali o di diversi modi di conoscere, il modo in cui sono state costruite le nostre app è ora il nostro modello mentale. Ciò significa che cè esitazione a fare qualcosa di diverso. Quanto meccanizzate e sistematizzate sono state costruite le nostre app, quanto sono robotiche, influenzano il modo in cui percepiamo il mondo. Come sarebbe unapp orientata allassemblaggio? Sarebbe troppo confuso? Unapp pluralistica sarebbe davvero difficile da navigare?
  • 🦊 – Potrebbe esistere un esempio nella personalizzazione del software open source. Lassemblaggio di Linux che fa cose molto specifiche, ma non tutto.
  • 🦊 – Jaron Lanier, uno dei primi sviluppatori di AI, ha scritto di come le caricature di persone scritte nel software finiscono per diventare reali perché le persone finiscono per eseguire il loro vive intorno alle caricature di se stessi. Un po ontologico: noi progettiamo il mondo e lui ci riprogetta. Non solo il design che ci progetta, ma le versioni false di persone che diventano reali a causa di supposizioni su come potremmo pensare o lavorare e alla fine ci allineiamo con questo.
  • 🦋 – È pericoloso?
  • 🐞 – Lopen source è come un pluriverso di programmazione con il contributo di tanti, che migliorano / migliorano il design originale. Tuttavia, esiste ancora una barriera di conoscenza: la codifica. Anche con una certa esperienza, non è facile e richiede una mentalità diversa e tentativi ed errori. Ad esempio, un problema grande come il cambiamento climatico non può essere affrontato con una sola soluzione. È un ecosistema di interventi. Nel codice, molte piccole funzioni si uniscono per creare una soluzione olistica.
  • 🐕 – Esempio di studio di una cultura della prateria, separata dal mare. Presentati con campioni di colore, avevano 13 parole per il verde, ma nessuna per il blu. Ha persino percepito alcuni campioni “blu” come “verdi”. Esemplifica come il linguaggio influenza la percezione allinterno del pluriverso. Lo stesso parallelo può essere tracciato con i linguaggi in codice.
  • 🦎 – Vedi The Decay of Lying di Wilde – siamo fissati sui fatti e sulla realtà sociale. Ribalta largomento “la natura imita larte”, dicendo che la nostra mutevole percezione dei tramonti di Turner è “la natura che imita larte”. Il modo in cui vediamo la realtà è plasmata dallarte e dalla cultura.
  • 🦋 – Chi può qualificare ciò che è “giusto”? Le persone potrebbero avere paura del pluriverso a causa dellambiguità, avendo più di una risposta. Ma è sempre stato così, potremmo non accettarlo.
  • 🦉 – Lapproccio pluralistico richiede molto più tempo. Ottimizziamo circa 5 utenti di test. I sistemi ti spingono a lasciarti alle spalle i valori anomali, ignorare la periferia di ciò per cui stai progettando.
  • relationship – Il rapporto dei genitori con la tecnologia fatica a stare al passo con la tecnologia senza figli che sostengano.La madre di 🐬 è rimasta su una vecchia versione iOS con un passcode scritto a mano per evitare laggiornamento, perdendo la capacità di navigare nel telefono al suo livello attuale. Confrontalo con i designer desiderosi di eseguire laggiornamento alla versione beta più recente. Queste piattaforme prendono in considerazione gli anziani e come faranno a navigare nella complessità?
  • 🐕 – La mentalità del “creiamo unapp” può essere così pervasiva. Il capo del dipartimento IXD lha proposto come soluzione per gli studenti che non hanno la navetta del campus, ma la ricerca di 🐕 ha mostrato che molte persone (25\% +) nel campus non avevano uno smartphone in grado di eseguire tale app. Nemmeno valori anomali, solo una grande parte della popolazione. Se le soluzioni ruotano attorno agli strumenti che utilizzi, quelli che non hanno accesso agli strumenti rimarranno indietro.
  • 🦉 – Come possiamo spingere il sistema a tenere conto dei valori anomali? Raggiungere quelle persone che non hanno gli strumenti, forse con uninterazione diversa (es. Messaggio di testo nellesempio precedente). Forse non si tratta di risolverli, ma di espanderli un po alla volta.
  • 🦚 – La tecnologia è un organismo. Non abbiamo tanto controllo come spesso pensiamo. Immagina il pulsante Mi piace che crolla la democrazia. Non possiamo immaginare quanto lontano possa arrivare quando le cose entrano in contatto con il pluriverso. Possiamo iniziare a pensare alla tecnologia come qualcosa di più che umano? La tecnologia segue la propria traiettoria.
  • 🦉 – Incorporare la trasparenza quando progettiamo con la tecnologia. iOS, ad esempio, sembra sempre più una scatola nera. Usato per essere molto più configurabile e personalizzabile. La “semplificazione della complessità” ha effettivamente oscurato ulteriormente la tecnologia.
  • 🦊 – Lintelligenza artificiale si è evoluta a un punto in cui una parte di essa non è più spiegabile dai suoi operatori.
  • 🦋 – La tecnologia ha sensibilità ? Vorrebbe essere chiamata una “scatola nera”? Semplificare la tecnologia per spiegarlo a noi stessi ci rimette in un circolo vizioso riduzionista che ci ha portato a questo punto?
  • 🦊 – Probabilmente! Tutti questi modelli descrivono solo diverse prospettive, disegnando i sistemi con diversi limiti / livelli di ingrandimento.
  • 🦙 – “Tutti i modelli sono sbagliati, alcuni sono utili” -George Box
  • 🦚 – Mi viene in mente lintreccio ontologico. Navigare come un bambino della terza cultura come formazione per lintegrazione di più prospettive. Il design mira alla stessa cosa.
  • 🦊 – Cè qualcosa nel design che lo rende particolarmente adatto per quellintreccio?
  • 🦚 – In Spotify, ad esempio, la scoperta della musica è un processo in cui il design media la tecnologia. Il design può portare più trasparenza e visibilità.
  • 🦉 – “Perché sono diventato un designer? Perché ero curioso di molte cose e non riuscivo a decidere cosa fare. ” Ma lapprendimento di molte cose impedisce una sufficiente profondità di conoscenza? “Se sai troppo poco di uno dei fili, potresti finire per escluderlo dalla treccia.” Ma non dovremmo nemmeno punirci per aver perso un filo. È impossibile vedere tutto ciò che potrebbe andare storto.
  • 🦩 – Il design partecipativo e il pluriverso come un modo per lasciare spazio allunione di altri designer, altri pensieri a cui partecipare. Per quanto dovremmo aprirci a tenere o che rappresenta molte visualizzazioni, cè una limitazione a questo. Coinvolgere gli altri attraverso il co-design può espandere quello spazio.
  • 🐕 – Per quanto sia importante sapere “di più”, è più importante sapere ciò che non sai e connettersi a tali informazioni in altri modi .
  • 🐡 – La vulnerabilità può far luce su diverse prospettive. Ma la paralisi può derivare dalla concentrazione su ciò che non possiamo fare piuttosto che sulla possibilità.
  • 🦉 – Forse i designer pensano a noi stessi come troppo importanti? Questa responsabilità può anche portare alla paralisi. Meglio concentrarsi sulla progettazione di “alcune …” parti con altri responsabili di altre parti del tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *